E’ una sera di Novembre

e i nostri morti ci solleticano i piedi

ma qua nessuno ha voglia di ridere

nemmeno io

che gioco da solo a Scarabeo

perché sto cercando parole nuove

per farci cosa?

Non ho diari da scrivere

non sono un libro aperto

e preferisco i silenzi per cena

alle chiacchiere degli sconosciuti.

 

Ce ne andavamo in giro per bar

e sceglievamo gli sgabelli al bancone

e ogni barista era uno strizza cervelli

che pagavamo con shot di tequila

per non rivolgerci la parola.

Quando asciugava i bicchieri

tamponava la nostra anima

e quando spremeva il limone

aggiungeva il sale sulle nostre ferite.

Eravamo convinti che fosse quella la cura

senza ghiaccio

senza anestesia

solo due uova senza benedizione

la nostra Pasqua senza Resurrezione

Lazzaro senza Dio

nel Sepolcro tutta la notte.

 

Cosa ci è capitato?

Perché ci siamo persi di vista?

Avremmo potuto continuare a farci compagnia

saremmo riusciti a trovare una soluzione

sarebbe bastato parlarci almeno una volta

invece morirò da solo

in silenzio

senza averti mai detto

ciao.

Pagina 43 de Solo le zanzare continuano a danzare.

Al momento l'inserimento di commenti non è consentito.