Se vuoi seppellirmi, prima leggi il mio testamento.

 

Il giorno del mio funerale

ci saranno 2000/3000 persone

ma di queste ne conoscerò

a malapena 200/300

e con 20/30

avrò scambiato due chiacchiere

senza sbadigliare

e solo con 2/3 avrò condiviso qualcosa

come pane

formaggio

vino

odio

e amore.

Quindi il giorno del mio funerale

sarà una farsa di pianti

qualcuno addirittura improvviserà

urla di disperazione

e i fenomeni si presenteranno con

un CD dei Bone Thugs in mano

e le Saucony ai piedi:

saranno i primi con i quali

neppure all’inferno andrò a correre

con la mia musica preferita nelle orecchie.

Ti spiego.

Dopo il mio funerale ci troveremo

in pochi come sempre

ma nessuno leggerà le mie poesie

e nessuno ammetterà che sono stato

un genio

perché anche questo manipolo

continuerà a non sapere che lo sono sempre stato.

Quindi?

La notte dopo il mio funerale

mangerai filetto al pepe verde

e berrai vino bianco fresco

accenderai una candela a casa

e ricorderai di quella volta

che hai cagato al Brooklyn Crab

dopo una giornata meravigliosa

perfetta come sempre

tu ed io.

Poi liberati di me, amore mio.

Al momento l'inserimento di commenti non è consentito.